Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Via i controllori dai treni regionali (TER) di Francia: l'annuncio della Sncf, l'azienda ferroviaria francese, ha sollevato polemiche tra i sindacati.

Secondo la direzione, grazie alla nuova tecnologia Eas di cui sono dotati i nuovi treni TER, con un sistema di videosorveglianza e di chiusura automatica delle porte, i compiti dei controllori dei biglietti sono diventati superflui, e potrebbero essere sostituiti da uomini 'tuttofarè.

"Oggi il 40% dei nuovi treni è dotato del sistema Eas - spiega Alain Le Vern, direttore generale Regioni alla Sncf - Il sistema favorisce inoltre la puntualità dei treni e la lotta antifrode". L'Azienda che ha attuato questa misura nella regione parigina, vorrebbe estenderla a tutta la Francia, e riguarderebbe solo i TER e non i Tgv, i treni ad alta velocità, né gli Interregionali.

Per i sindacati si tratta invece di una misura per fare risparmi: "Per la prima volta il numero dei controllori è diminuito di 300 persone nel 2013 mentre era rimasto stabile a 10.500 persone negli ultimi anni", ha osservato Eric Fernandes, segretario generale del sindacato dei ferrovieri Cfdr-Cheminot, per il quale la Sncf vuole tagliare il suo budget delle regioni. E ancora: "In questo modo la rete ferroviaria diventa inumana".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS