Navigation

Francia: su no a congedo per morte figlio bufera sul governo

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 - 20:12
(Keystone-ATS)

La maggioranza di governo francese è nella bufera dopo un voto contrario dei deputati a una proposta di legge centrista che voleva estendere i giorni di congedo a cui si ha diritto nel caso della morte di un figlio.

Nel mirino è soprattutto finita la ministra del lavoro, Muriel Penicaud, difesa oggi a spada tratta dal premier Edouard Philippe.

Tutto è nato dalla bocciatura, la settimana scorsa in Assemblea nazionale, della proposta che avrebbe portato da cinque a dodici giorni del congedo per lutto in caso di morte di un figlio: "probabilmente è stata anche colpa nostra, non siamo riusciti a spiegare collettivamente la nostra posizione, né ad adattarla. Le critiche ci hanno fatto molto male", ha ammesso Philippe, alle prese anche con la rabbia di molti esponenti della maggioranza che hanno avuto la sensazione di essere stati "inviati al fronte e poi abbandonati".

Molti deputati hanno rimproverato al premier l'imbarazzo in cui si sono trovati nel farsi trattare da "disumani" o da "portaborse". Un esponente della sinistra radicale de La France Insoumise, Adrien Quatennens, ha accusato i deputati della maggioranza di avere "un modulo Excel al posto del cervello e una calcolatrice al posto del cuore".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.