Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre ogni previsione: Marine Le Pen e il Front National non conquistano 3 regioni al primo turno come pensavano gli osservatori, né "quattro o cinque" come aveva detto di sperare la stessa leader.

I risultati di un primo turno storico danno l'estrema destra largamente primo partito di Francia con circa il 30% dei voti e in testa in sei regioni.

Immediata la reazione del Partito socialista: dopo il rifiuto di ogni accordo anti-FN da parte di Nicolas Sarkozy nelle due regioni dove sono favorite Marine e Marion Le Pen, il segretario Jean-Christophe Cambadelis ha annunciato il "ritiro" unilaterale delle proprie liste in vista del ballottaggio "per sbarrare il passo al Front National". Una decisione che apre nuove prospettive per domenica prossima, non soltanto nelle due regioni più favorevoli all'estrema destra ma anche ovunque il PS sia arrivato in terza posizione e quindi fuori gioco.

La presidente del FN, che si presentava nel Nord-Pas de Calais-Picardie, ha conquistato oltre il 41% dei suffragi, molto più del doppio del candidato socialista, Pierre de Santignac (18%). E Xavier Bertrand, alfiere della destra dei Républicains, si è fermato al 25%. Al polo opposto, nella regione PACA (Provenza-Alpi-Costa azzurra), la nipote Marion Maréchal-Le Pen l'ha addirittura superata, con gli exit poll che la davano al 41,2% e lei che ringrazia gli elettori per "il 42% al primo turno".

"La Francia rialza la testa - proclama la vincitrice Marine, esultando nella sua roccaforte di Henin-Beaumont - è un risultato magnifico, che accogliamo con umiltà. Il Front National è l'unico fronte veramente repubblicano, poiché l'unico a difendere la nazione e la sua sovranità... vogliamo realizzare l'unità nazionale di cui il Paese ha bisogno e che una maggioranza di voi, stanca delle manovre politiche, auspica".

Il grande sconfitto di questa sera appare Nicolas Sarkozy, che con i suoi Républicains non è riuscito a mobilitare gli elettori ed è persino sceso di un punto su scala nazionale, dal 28 al 27%, rispetto alle amministrative della primavera scorsa. Nonostante questo, nessun gesto è arrivato dall'ex presidente nei confronti dell'apertura della gauche a fondersi in vista del ballottaggio di domenica: "proporrò domani all'ufficio politico di respingere ogni fusione e ogni desistenza delle liste. Chiarezza e costanza sono le uniche scelte politiche all'altezza dell'interesse del Paese". Un Paese "esasperato" dal continuo "arretramento", soprattutto quello "degli ultimi quattro anni".

La sconfitta della destra è ancora più grave in quanto il partito di Sarkozy si presentava alleato con il centro, deciso a rovesciare la situazione delle precedenti regionali del 2010, che vedevano 21 regioni su 22 in mano ai socialisti. Il Partito socialista, su scala nazionale lievemente in risalita rispetto alla scorsa primavera (è al 23%), si presentava da solo, senza i Verdi che - usciti dal governo - hanno chiuso al 6,50%, una quota che consentirebbe loro di formare alleanze al ballottaggio.

Il Front National, con una crescita spettacolare rispetto alle amministrative - dove su scala nazionale era al 25% - conquista al primo turno sei regioni: Nord-Pas de Calais-Picardia, PACA, Linguadoca-Roussillon-Midi Pyrenees, Borgogna-Franche Comté, Centre-Val de Loire e Alsazia-Champagne-Ardenne-Lorena. In quest'ultima regione, lo "stratega" del partito, Florian Philippot, è nettamente in testa con il 39,6% dei voti, davanti a Philippe Richert (Republicains) con il 22,6% e il socialista Jean-Pierre Masseret (16,1%). È proprio questa la terza regione dove il FN è potenzialmente in grado di assicurarsi la vittoria finale fra una settimana. Nell'Ile-de-France, dove il candidato FN è fuori gioco, Valerie Pécresse (destra) guida con quasi 10 punti di vantaggio sul presidente dell'Assemblea nazionale, il socialista Claude Bartolone.

Appelli a ritirare le liste per far convergere tutti i voti al ballottaggio sulle liste anti-Front National, dopo la decisione socialista, arrivano anche dal centro, in particolare dal presidente del MoDem, Francois Bayrou. La settimana politica fra i due turni si annuncia bollente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS