Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BASILEA - Un'inchiesta durata più di un anno ha permesso di troncare un traffico di carne tra la Francia e la Svizzera. I doganieri sono riusciti a provare il contrabbando di 8,4 tonnellate di carne, organizzato da un abitante di Basilea Campagna.
L'uomo aveva ingaggiato e pagato diverse persone per trasportare la merce, destinata a un albergo del canton Berna. L'inchiesta - indica in una nota la Direzione circondariale delle dogane a Basilea - era cominciata nell'autunno 2008, quando il conducente di un'auto proveniente dalla Francia aveva invertito rotta per sottrarsi a un controllo di routine a un valico basilese. L'auto era stata bloccata e i doganieri avevano trovato a bordo mezza tonnellata di carne.
I contrabbandieri acquistavano la merce in Francia e la introducevano in Svizzera passando per valichi inoccupati dai doganieri e chiusi al traffico di merci a scopo commerciale. Hanno così evitato di pagare dazi d'importazione per oltre 90'000 franchi.

SDA-ATS