Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Francia verso stangata, almeno 4 miliardi di tasse

La Francia non riesce ad uscire dalla crisi. Per mantenere gli impegni presi a Bruxelles di pareggio di bilancio entro il 2014 nonostante l'economia non riesca a ripartire, prende quindi sempre più corpo l'ipotesi di una nuova stangata, con nuove tasse.

Una prima conferma è venuta oggi da Le Journal du Dimanche (Jdd): nonostante le promesse elettorali, il presidente François Hollande si prepara a imporre nuove tasse, tra i 4 e i 6 miliardi di euro nel 2014, per raddrizzare i conti pubblici.

Secondo il Jdd, il ministro del Bilancio, Bernard Cazeneuve, ha appena presentato una serie di proposte al capo dello Stato, e la decisione ufficiale è attesa entro agosto.

Dopo un primo giro di vite che ha colpito le famiglie, con in particolare la diminuzione degli sgravi fiscali legati ai figli per circa 2 miliardi di euro, le nuove misure allo studio riguardano le tasse sul gasolio, oltre ad una intensificazione della lotta contro la frode fiscale.

Ci sarebbe anche un aumento delle imposte sul reddito pari allo 0,3% del Pil. Inoltre è allo studio un aumento dell'Iva il primo gennaio prossimo, oltre al ritorno della tassa sulle grandi fortune, anche se ridimensionata.

Le anticipazioni del Jdd sembrano confermare che la Francia non intende seguire, almeno nell'immediato, i suggerimenti della Commissione europea, che a fine maggio aveva chiesto a Parigi di avviare una riforma delle pensioni sin da quest'anno.

Sia Hollande sia il suo ministro dell'economia Pierre Moscovici continuano ad insistere sulla necessità di politiche europee per il rilancio della crescita, attraverso il rilancio del lavoro giovanile. Misure, però, che anche la stessa Francia ha serie difficoltà a mettere in cantiere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.