Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il franco si è dapprima rafforzato e poi indebolito oggi pomeriggio dopo le decisioni della Banca centrale europea (Bce), che ha ulteriormente allentato la sua politica monetaria.

Gli annunci dell'istituto d'emissione con sede a Francoforte sono seguiti da vicino in Svizzera visto che la Banca nazionale dovrà esprimersi tra una settimana esatta sulla sua politica monetaria.

La valuta elvetica, cambiata prima degli annunci del presidente della Bce Mario Draghi a 1,0950 per un euro, si è brevemente rafforzata a quota 1,0893 subito dopo, per poi indebolirsi fino a oltre 1,10 a fine giornata.

La Banca nazionale svizzera, che ha introdotto un tasso negativo sugli averi in conto giro per abbassare l'attrattiva del franco, potrebbe essere obbligata a seguire il movimento iniziato dall'omologa europea. La BNS potrebbe così ridurre ancora i suoi tassi giovedì prossimo. Essa potrebbe anche ridurre l'ammontare al di sotto del quale le banche sono esonerate dal tasso negativo, come ha recentemente indicato alla stampa il suo presidente Thomas Jordan.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS