Navigation

Frane: 30 morti in Bangladesh, 16 in Cina

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 giugno 2010 - 10:07
(Keystone-ATS)

DACCA - Una serie di frane facilitate dalle piogge torrenziali hanno sepolto numerose abitazioni e negozi nei distretti di Cox's Bazar e Bandarban (Bangladesh sudorientale), causando la morte di almeno una trentina di persone. Lo riferiscono i media a Dacca.
Il vicecommissario di Cox's Bazar, Giasuddin Ahmed, ha detto ai giornalisti che finora sono stati recuperati 30 cadaveri e che molte persone risultato ancora disperse.
Anche in Cina una frana ha provocato la scorsa notte la morte di almeno 16 persone nella provincia del Sichuan, nella Cina sudoccidentale. Il crollo ha provocato anche la distruzione di numerose baracche utilizzate dagli operai in un sito in costruzione nella città di Pengta, nella Prefettura Autonoma di Ganzi, riferisce l'agenzia Nuova Cina.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.