Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Jo Johnson, fratello dell'ex ministro degli esteri britannico Boris Johnson.

KEYSTONE/EPA/NEIL HALL

(sda-ats)

Clamorose dimissioni a sorpresa del viceministro dei trasporti nel governo conservatore britannico di Theresa May, Jo Johnson, fratello di Boris, ma a differenza dell'ex ministro degli esteri contrario alla Brexit.

Johnson junior - da sempre pro Remain - motiva la sua decisione denunciando il divorzio dall'Ue come "un terribile errore", paventando il rischio di un accordo negoziale di uscita "incoerente" per il Regno Unito e invocando apertamente quel referendum bis che la premier May continua a escludere.

Boris Johnson esprime a stretto giro "ammirazione senza confini" per suo fratello. "Sulla Brexit possiamo non concordare", twitta l'ex ministro degli esteri - uscito a sua volta dall'esecutivo in estate, seppure per motivi inversi rispetto a Jo - "ma siamo uniti nello sconcerto di fronte alla posizione intellettualmente e politicamente indifendibile" assunta dal Regno Unito al tavolo delle trattative con l'Ue.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS