Tutte le notizie in breve

In Svizzera è nella "regione" Ticino che si trova la quota più alta di frontalieri rispetto al totale degli occupati.

KEYSTONE/TI-PRESS/FRANCESCA AGOSTA

(sda-ats)

Nel 2016 il numero di frontalieri in Svizzera è aumentato di 11'300 unità (+3,7%). In Ticino si è registrata la quota più elevata (27,1%) rispetto al totale degli occupati. È quanto emerge dai dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

Alla fine del 2016, in Svizzera si contavano in totale 318'500 frontalieri di nazionalità straniera, il 64,4% dei quali uomini e il 35,6% donne. Oltre la metà (54,9%) era domiciliata in Francia, circa un quarto (22,6%) in Italia e un quinto (19,3%) in Germania.

Dalla fine del 2015 alla fine del 2016, il loro numero è salito di 11'300 unità, ovvero del 3,7%. Questo dato è simile a quello dell'anno precedente e al contempo equivale all'incremento annuo più basso dal 2010, si legge in un comunicato.

Nell'arco di cinque anni, il numero di frontalieri è passato da 251'700 unità nel 2011 a 318'500 nel 2016, con un aumento del 26,6%. La progressione presso gli uomini (+26,4%) è stata analoga a quella delle donne (+26,8%). Allo stesso tempo il numero di occupati è passato da 4,713 milioni a 5,081 milioni (+7,8%).

Alla fine del 2016, circa quattro quinti di tutti i frontalieri si concentravano in tre grandi regioni: oltre un terzo lavorava nella regione del Lemano (37,2%), un quarto nella Svizzera nordoccidentale (22,8%) e un quinto in Ticino (20,2%). Ma se nella regione del Lemano il numero di frontalieri in termini assoluti era il più elevato (118'600, contro i 64'327 del Ticino), la situazione cambia quando si prendono in considerazione le quote corrispondenti rispetto al numero degli occupati.

Nella regione del Lemano la quota raggiungeva il 12,3% e nella Svizzera nordoccidentale il 10,8%, mentre in Ticino più di una persona occupata su quattro era un frontaliere. Sempre in Ticino si è registrato il maggiore aumento di tale quota negli ultimi cinque anni (+3,3 punti percentuali), mentre nella regione del Lemano la crescita è stata di 2,4 punti.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve