Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il numero di lavoratori frontalieri in Ticino risulta in calo nel quarto trimestre del 2015 in controtendenza rispetto all'evoluzione a livello nazionale. Negli ultimi tre mesi dello scorso anno erano 62'478, -0,2% rispetto al III trimestre e -0,9% su un anno.

In Svizzera invece i lavoratori d'oltreconfine sono aumentati su un anno del 3,7% raggiungendo quota 304'117, stando agli ultimi dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

I dati della Statistica dei frontalieri (STAF) sono stati rivisti a seguito di un cambiamento metodologico e sono pertanto diversi rispetto a quelli forniti tre mesi or sono. Per il terzo trimestre 2015 i frontalieri attivi in Ticino risultano essere 62'626 (e non 62'225 come annunciato in precedenza). Vi è stata quindi una diminuzione di 148 persone nel IV trimestre. In base alla nuova revisione dei dati, il record di lavoratori d'oltreconfine è stato raggiunto nel quarto trimestre del 2014: 63'078. La quota di 60'000 è stata superata nel IV trimestre 2013.

A livello nazionale nel IV trimestre 2015 i frontalieri sono aumentati dell'1,2% rispetto ai tre mesi precedenti e del 3,7% rispetto all'anno prima. Tutte le grandi regioni, ad eccezione del Ticino, hanno registrato incrementi. Nella Regione del Lemano - che in termini nominali conta il maggior numero di lavoratori provenienti da oltreconfine - i frontalieri hanno raggiunto quota 112'505, in aumento del 6,3% su un anno e del 2,5% in un trimestre.

La crescita è stata trainata quasi unicamente dal settore terziario: +5,6% sull'arco di un anno e +2,1% su un trimestre a 187'892. Nel secondario l'incremento è stato solo dello 0,8% su un anno mentre si è registrato un calo dello 0,2% su base trimestrale a 114'293. Per quanto riguarda le professioni esercitate, il gruppo più numeroso è quello dei lavoratori non qualificati (+4,9% su un anno a 55'267). Incrementi significativi si registrano anche nel gruppo "impiegati d'ufficio e affini" (+5,9% a 31'913) e "professioni nei servizi e nella vendita (+5% a 42'772).

La maggior parte dei frontalieri risiede in Francia: 164'893 in aumento del 5% su un anno. Segue poi l'Italia (69'463, +0%), la Germania (59'781, +4,2%) e l'Austria (7'892, +2,7%).

Nel IV trimestre 2002, anno in cui (il primo giugno) è entrata in vigore la libera circolazione con l'Ue, i frontalieri "svizzeri" erano 163'330, quelli "ticinesi" 32'792.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS