Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inizio di stagione difficile per gli impianti di risalita in Svizzera: i primi dati indicano per dicembre e gennaio un calo degli utenti del 7,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre il fatturato registra una flessione del 12,8%.

Particolarmente colpito, per la mancanza di neve, il Ticino con diminuzioni rispettivamente del 90,5% e del 72,1%, secondo quanto comunica oggi l'associazione di categoria Funivie svizzere.

Sulle statistiche incide negativamente il franco forte: gli impianti dei Grigioni, fortemente dipendenti dall'afflusso di turisti provenienti dall'Eurozona, evidenziano un calo dei visitatori del 15,3% e una flessione del volume d'affari del 18,8%.

Cifre negative anche per le Alpi vodesi e friburghesi (passeggeri -16,8%; fatturato -14,3%), per la Svizzera centrale (-5,1%; -8,2%) e per il Vallese (-6,1%; -13,2%). Solo gli impianti dell'Oberland bernese registrano un aumento degli utenti (+2,5%): anche in questo caso il fatturato risulta comunque in negativo (-4,3%).

Il settore potrebbe riprendere quota nella seconda metà della stagione grazie alle nevicate degli scorsi giorni, scrive Funivie svizzere. Difficilmente sarà però possibile recuperare le perdite finora accumulate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS