Navigation

Furti di sci: a Davos (GR) i maggiori rischi, dice AXA

Secondo l'assicuratore AXA è a Davos che si registrano più furti di sci e snowboard. KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2020 - 12:00
(Keystone-ATS)

Davos (GR) continua ad essere la destinazione turistica invernale in cui si registrano più furti di sci e snowboard, stando alle statistiche dei sinistri pubblicata oggi da AXA.

Sull'insieme delle notifiche giunte all'assicuratore zurighese nel biennio 2018-2019, il 4,8% riguardano ladrocini commessi nella località grigionese.

Il dato è in crescita rispetto al rilevamento precedente, indica una nota di AXA. Nella classifica dei centri invernali in cui si rischia di ritrovarsi con i soli scarponi ai piedi, dopo Davos figurano Zermatt (VS, 4,0%, in crescita), Ischgl (località austriaca che fa parte del comprensorio sciistico Silvretta Arena condiviso con Samnaun in Engadina Bassa, 2,7%, stabile) e Arosa (GR, 2,4%, in crescita).

Nel comunicato AXA fornisce solo i dati relativi al "top ten" delle località con più furti: tutte, ad eccezione di Ischgl e Verbier (VS, quinta), si trovano nella Svizzera tedesca.

Senza sorpresa è "nelle mecche dello sci con un gran numero di visitatori" che si registrano più frequentemente sottrazioni indebite di questo materiale sportivo, scrive AXA, sottolineando che i furti avvengono nei pressi dei ristoranti in quota e delle stazioni degli impianti di risalita, ma anche (un paio di sci su sette) nelle cantine e nei garage delle abitazioni di vacanza. Ogni inverno le notifiche sono "diverse centinaia". Complessivamente, negli ultimi due anni la frequenza dei furti di sci a livello nazionale ha subito un leggero aumento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.