Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TORONTO - Giornata conclusiva dei lavori del G8 che ha riunito da ieri mattina i Grandi della Terra a Huntsville in Canada. Il formato a otto terminera' a meta' giornata, con la dichiarazione conclusiva del Summit. Per poi passare il testimone al G20 che da oggi pomeriggio vedra' a Toronto i leader confrontarsi sulla crisi, alla ricerca di una crescita sostenibile, stabile ed equilibrata.
Un vertice, quello a 20, che si preannuncia teso. Con posizioni distanti, da una parte all'altra dell'oceano, sulle misure da mettere in campo per affrontare la crisi. E con proposte di ricette - dalla scelta tra politiche di rigore sui conti o di rilancio della domanda alle tasse su banche e transizioni finanziarie - che, alla vigilia, inducono allo scetticismo sull'esito della riunione. Un mancato accordo che - e' l'allarme lanciato ieri dall'Fmi - potrebbe creare una situazione in grado di mettere a rischio 30 milioni di posti lavoro e mettere in gioco 4mila miliardi di dollari di crescita.
Dalla regione dei laghi di Muskoka, dove e' riunito il G8, intanto oggi arrivera' dichiarazione finale del summit al termine di una mattinata che vedra' i Grandi confrontarsi sul tema della pace e della sicurezza mondiale. Un documento conclusivo di un vertice - il 36mo dalla nascita del G8 - offuscato dalle attese per il G20. Ma che vede i grandi della Terra prendere un impegno - come annunciato stanotte dal premier canadese Stephen Harper - da 7,3 miliardi di dollari per la tutela della maternita'. E che intravede segnali di ripresa con una crescita che ''prende piede'' ma che va incanalata. Anche e soprattutto - dovrebbero essere le conclusioni dei Grandi - per la creazione di societa' piu' eque, solidali e sostenibili.
Atteso poi un passaggio sul terrorismo internazionale, cosi' come sui grandi dossier internazionali (dal Mo all'Iran, dall'Afghanistan alla Corea del Sud). E un riferimento agli aiuti che, complice la crisi, segnano il passo. Con un particolare riferimento anche alla fame del mondo che - dovrebbe essere il passaggio della dichiarazione finale - resta ''la sfida pressante'' del pianeta.
I riflettori, intanto, si puntano su Toronto dove stasera, con una cena ufficiale, si aprira' il quarto vertice dei 20 a livello di capi di stato. Per un week end di lavori intenso, che dovrebbe concludersi domani sera.

SDA-ATS