Navigation

G8: sì a misure per rafforzare economia e ridurre tensioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2012 - 19:37
(Keystone-ATS)

"Il nostro imperativo è promuovere la crescita e l'occupazione". Lo hanno affermato oggi i leader del G8 nel comunicato finale del summit nel quale si sottolinea come "saranno intrapresi tutti i passi necessari per rafforzare le nostre economie e combattere le tensioni finanziarie".

Nel testo si ribadisce come "la ripresa dell'economia globale mostri segnali promettenti, anche se persistono significativi ostacoli da superare".

"Per aumentare la produttività e il potenziale di crescita delle nostre economie - si legge nel comunicato - sosteniamo come appropriate riforme strutturali e investimenti in educazione e in infrastrutture moderne".

Il G8 ha anche lanciato un appello per una zona euro "forte e unita" che comprenda anche la Grecia. In un incontro a margine del G8, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha auspicato che Atene rimanga nell'euro, "ma la Grecia deve rispettare gli obblighi del memorandum".

La Merkel ha sostenuto che la Francia e la Germania non sono su sponde diverse. Tuttavia, ha puntualizzato, "senza solidità finanziaria non si può avere crescita". Per la Merkel, "consolidamento e crescita sono due lati della stessa medaglia".

Da parte sua François Hollande ha detto che la crescita è stata "il cuore" del dibattito. Il presidente francese ha rivendicato il ruolo avuto dalla Francia in questo senso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?