Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri tedesco Sigmar Gabriel.

KEYSTONE/EPA/CLEMENS BILAN

(sda-ats)

"La normalità dei rapporti fra Germania e Turchia non è quella di oggi, è meglio della condizione attuale, e sia io sia il mio collega turco auspichiamo il ritorno a questa normalità".

Lo ha detto il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel, a Berlino, in una dichiarazione a margine di un incontro con il collega turco Mevlut Cavusoglu.

Gabriel ha sottolineato che "nonostante le attuali difficoltà, bisogna mettere in risalto i successi dell'amicizia fra Turchia e Germania, sul piano culturale artistico ed economico" relativi al passato. "Il colloquio di oggi - ha detto anche Gabriel - è stato buono, franco e amichevole, anche se duro nei contenuti".

"La Germania è uno dei Paesi più liberi e democratici al mondo", ha detto ancora il ministro degli Esteri tedesco, spiegando di aver rigettato, nel colloquio con il collega turco Cavusoglu, il paragone con il nazismo. Gabriel ha incontrato la stampa a margine della bilaterale che si è tenuta stamattina a causa della crisi diplomatica che sta agitando il rapporto fra Berlino e Ankara.

Sullo sfondo l'escalation provocata dall'arresto del reporter della Welt Deniz Yucel a Istanbul, e il rifiuto di alcuni comuni tedeschi ai comizi elettorali di ministri turchi, in vista del referendum costituzionale di aprile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS