Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Gastrosuisse pretende le stesse condizioni del commercio al minuto in fatto d'IVA. Visto che questa rivendicazione non è stata esaudita in sette anni, diverse centinaia di esercenti hanno avviato oggi la raccolta di firme per un'iniziativa popolare.
I circa 21'000 esercenti si sentono poco amati. Con i divieti in materia di fumo, di macchinette mangiasoldi, di ombrelloni riscaldanti (in certi cantoni) e con la riduzione dell'alcolemia - ha dichiarato alla stampa il direttore di Gastrosuisse Anton Schmutz - "siamo l'unico settore a fare le spese delle tendenze della società". Questa categoria - a suo dire - patisce un'ingiusta concorrenza da parte del commercio al minuto. Esempio: in un locale pubblico, una pizza soggiace a un tasso IVA del 7,6%; in un "take-away" o in un negozio di generi alimentari soltanto al 2,4%.
Dall'introduzione della legislazione IVA nel 1995, la situazione sul mercato dell'approvvigionamento alimentare è radicalmente mutata. Non solo in quasi tutti i negozi sono apparsi i piatti precucinati, ma soprattutto i grandi distributori e altri dettaglianti forniscono sempre più prestazioni che, una volta, erano di esclusiva competenza dei ristoratori, ha constatato il consigliere agli Stati Hans Hess (PLR/OW), autore di una mozione favorevole alla riduzione dell'aliquota IVA per gli esercenti.
Il Consiglio degli Stati si era pronunciato a favore nel 2005, ma il Nazionale non se ne è occupato. Nel frattempo, il Consiglio federale ha presentato un progetto per un tasso IVA unico. Tuttavia, dal momento che quest'ultimo è molto contestato, il governo ha deciso di optare in un primo tempo solo per correzioni amministrative incontestate.
L'iniziativa "Basta con l'IVA discriminatoria per la ristorazione!", che per riuscire dovrà raccogliere 100'000 firme entro il 7 ottobre 2011, non verrebbe applicata alle bevande alcooliche e al tabacco. I promotori vogliono inoltre lasciare al parlamento decidere la strategia concreta per giungere all'auspicata parità di trattamento.
Nello spirito del presidente centrale di Gastrosuisse Klaus Künzli, l'iniziativa mira a far pressione affinché la riforma in parlamento non sia rinviata alle Calende greche. "Lasciamo al parlamento la scelta dei mezzi; ciò che importa è di evitare che le cose si trascinino ulteriormente", ha dichiarato di fronte a centinaia di manifestanti e consumatori riuniti sulla Piazza federale.
È la prima volta nei suoi 120 anni di storia che Gastrosuisse decide di impugnare l'arma del ricorso al voto popolare. Il settore dà lavoro a 230'000 persone e offre decine di migliaia di posti d'apprendistato.

SDA-ATS