Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"L'Europa di ieri non c'è più, se ne è andata, e quella di oggi non ha più alcun principio: è assurda sul fronte dell'omosessualità". L'anziano presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, torna sul suo cavallo di battaglia anti-gay e attacca il Vecchio continente sottolineando - in un discorso-fiume per la Festa dell'indipendenza del suo Paese - che "quello che è naturale diventa contro natura e ciò che non è naturale loro vogliono farlo passare per 'naturale'".

L'Europa dice che "punirà chi nega i matrimoni gay come accaduto nel caso dell'Uganda e nel nostro". L'Europa mantiene il punto sulla sua "assurdità" e "viene qui con quella assurdità", ha aggiunto Mugabe che, in passato, è anche arrivato a paragonare i gay ai maiali o ai cani, invitando i diplomatici stranieri impegnati nella difesa dei diritti degli omosessuali a lasciare il suo Paese.

SDA-ATS