Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo 10 giorni di martellanti raid aerei in risposta ai razzi di Hamas, l'esercito israeliano è entrato ieri sera in forze nella Striscia di Gaza. Secondo un portavoce militare sono impegnati sul campo fanteria, carri armati, artiglieria, ingegneri e intelligence. A loro supporto forze aree, navali e altre di sicurezza. Al momento si contano nove palestinesi morti, tra cui un bebè, e un soldato israeliano ucciso.

Le forze di terra israeliane stanno avanzando "nelle loro rispettive missioni", incluse "l'identificazione e la repressione della minaccia dei tunnel", ha detto il portavoce, secondo cui durante la notte sono stati colpiti oltre 100 "siti del terrore", circa 9 tunnel e oltre 20 lanciatori di razzi.

È l'area nord della Striscia a essere al momento sotto l'attacco principale di tank e fanteria israeliana, anche se spari e esplosioni si sentono un po' dovunque. Si avverte un clima di panico diffuso; testimoni riferiscono di non sapere dove fuggire.

Secondo fonti mediche locali, nei combattimenti in corso da undici giorni sono finora stati uccisi 260 palestinesi e 2000 sono rimasti feriti.

L'obiettivo di Israele, ha riferito un portavoce militare, "non è quello di rovesciare Hamas". "Aspettavamo con ansia questa operazione di terra" a Gaza "per impartire una lezione a Israele", è la sfida lanciata dalle Brigate Ezzedin al-Qassam, il braccio armato di Hamas.

Mentre il capo in esilio di Hamas Khaled Mechaal ha sostenuto che "quello che l'invasore israeliano non è riuscito a realizzare con i raid aerei e marittimi, non lo realizzerà nemmeno con l'offensiva terrestre, che è destinata all'insuccesso".

Da parte sua il presidente dell'Autorità nazionale palestinese Abu Mazen (Mahmud Abbas) ha dichiarato che l'offensiva terrestre israeliana provocherà "ancora più spargimento di sangue" e complicherà gli sforzi per mettere fine al conflitto nella zona.

Secondo i media l'esercito israeliano ha chiesto al gabinetto di sicurezza di richiamare altri 18'000 riservisti in caso l'operazione di terra in atto da ieri sera ne abbia bisogno.

Intanto almeno 5 razzi lanciati verso il sud d'Israele sono stati intercettati nella notte nella regione del Neghev, vicino a Ofakim.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS