Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È salito a circa 1440 il bilancio di fonte palestinese dei morti a Gaza dall'avvio dell'operazione Margine Protettivo: un bilancio più pesante dell'operazione Piombo Fuso del 2008-2009. Lo scrive l'agenzia Maan aggiornando a 16 il numero di vittime di uno degli ultimi attacchi israeliani prima della tregua di stamane.

Secondo i dati diffusi di prima mattina dalle autorità sanitarie della Striscia di Gaza, il totale dei morti registrati prima della tregua era salito ad almeno 1437. Ma successivamente la cifra è stata ancora corretta al rialzo per gli effetti di uno degli ultimi bombardamenti: il cui bilancio è stato aggiornato da 11 a 16 vittime.

Stando alle stesse fonti, almeno il 23% del totale dei morti palestinesi erano ragazzi e bambini, mentre i dati dell'Onu accreditano una maggioranza complessiva di vittime civili. I feriti sono indicati intanto in oltre 8200.

Nell'ultima azione militare di terra su larga scala condotta nella Striscia fra il dicembre 2008 e il gennaio 2009 - denominata Piombo Fuso e durata 22 giorni contro i 25 di quella di queste settimane - i morti palestinesi censiti dalle fonti di Gaza furono 1416 (fonti israeliane ne riconobbero fra 1100 e 1300). Quell'operazione costò inoltre la vita a una decina di soldati e a tre civili in Israele: un tetto largamente superato da tempo nell'offensiva attuale, che secondo i dati dell'esercito ha provocato ormai la morte di 61 militari israeliani, oltre che di tre civili nello Stato ebraico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS