Navigation

Gaza: si infiamma confine con Israele

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 marzo 2012 - 19:50
(Keystone-ATS)

Non si abbassano le fiamme della violenza lungo il confine fra Israele e la Striscia di Gaza, segnato anche oggi da un martellante botta e risposta fra lanci di razzi palestinesi e incursioni aeree israeliane. Il bilancio è salito ad almeno 15 miliziani palestinesi uccisi nella Striscia (10 ieri, 5 oggi) e otto cittadini israeliani feriti (uno in modo grave) o contusi nel sud dello Stato ebraico.

L'escalation - innescata ieri dalla "esecuzione mirata" da parte dell'aviazione con la Stella di David dello sceicco Zuheir al-Kaisi, capo fazione dei Comitati di Resistenza popolare (Crp, una formazione oltranzista alleata di Hamas) - è proseguita oggi per tutta la giornata. E l'allerta è salita ancora al calar del buio, fra sirene d'allarme e boati di esplosioni.

In totale, da ieri, i miliziani dei Crp e della Jihad Islamica, decisi a vendicare la morte dello 'sceiccò, hanno scagliato verso Israele oltre 100 fra missili e proiettili di mortaio. Finiti in maggioranza su aree disabitate del Neghev, eccezion fatta per una trentina di Grad a medio raggio quasi tutti intercettati dal nuovo sistema sistema di difesa mobile Iron Dome in prossimità delle zone urbane di Beer Sheva, Ashdod e Ashqelon (a sud di Tel Aviv): centri nei quali domani le scuole resteranno chiuse a scopo precauzionale.

Lo Stato ebraico ha replicato con attacchi aerei a ondate, che hanno preso di mira postazioni di lancio e cellule di miliziani individuati come potenziali minacce. Tre persone sono state colpite a morte nel pomeriggio a bordo di due moto in fuga nel sud della Striscia, portando a una quindicina il numero dei palestinesi uccisi da ieri nella Striscia: in gran parte già identificati come esponenti dei Crp o della Jihad. Fra i feriti (una trentina) si contano tuttavia anche alcuni civili, incluso un reporter dell'agenzia Maan e sua moglie, incinta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?