Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Era apparentemente in perfetta salute Gill Pharaoh, un'ex infermiera 75enne londinese. Eppure la donna ha deciso di morire attraverso un'organizzazione svizzera per l'eutanasia, per non costituire un peso per società e famiglia e per non finire su un letto d'ospedale.

La storia, riportata dal Sunday Times, ha colpito proprio per l'ottima salute di cui godeva la donna che prima di morire ha rilasciato alcune dichiarazioni ai media del Regno Unito. La 75enne, prima di porre fine alla sua vita lo scorso 21 luglio a Basilea, ha fatto una passeggiata per la città, ha cenato con il suo compagno e ha ricordato i tanti anni spesi ad aiutare il prossimo negli ospedali, vedendo tante sofferenze.

Prima di compiere il suo ultimo viaggio verso la Svizzera, ha anche scritto alcuni post in un blog, spiegando che "devo portare a termine tutto ora che sono cosciente e capace di farlo senza troppa assistenza, perché sono preoccupata di compromettere le persone attorno a me e che amo. Ho salutato tutti e messo ordine alla mia vita e spero di aver organizzato la mia uscita nel modo più discreto possibile".

Secondo la stampa britannica, la donna avrebbe anche espresso la volontà di donare gli organi ancora utilizzabili. Inoltre, sempre secondo i media britannici, la donna ha detto che "devo essere sicura di non essere un'anziana donna che occupa un letto d'ospedale. E questo farà risparmiare anche il servizio sanitario nazionale".

Diverse critiche sono arrivate dalle associazioni contro l'eutanasia, che hanno definito la fine della donna "molto problematica". Secondo l'Independent, almeno 125 britannici hanno praticato il suicidio assistito in Svizzera fra il 2008 e il 2012.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS