Navigation

GB: addio a Terence Conran, influencer prima del tempo

È morto all'età di 88 anni Terence Conran, fondatore della catena di arredamento Habitat e del Museo del Design di Londra. KEYSTONE/EPA/WILL OLIVER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 settembre 2020 - 16:09
(Keystone-ATS)

È morto all'età di 88 anni Terence Conran, fondatore della catena di arredamento Habitat e del Museo del Design di Londra.

Conran si è spento "pacificamente" nella tenuta di Barton Court, il suo ritiro nella campagna inglese, ha annunciato la famiglia del designer, ma anche imprenditore, filantropo e ristoratore che attraverso una serie di carriere parallele ha rivoluzionato la vita quotidiana in Gran Bretagna e oltre.

La fondazione del Museo del Design nel 1989 - per lui il massimo motivo di orgoglio e che di recente gli ha dedicato una mostra nella nuova sede di Kensington - aveva fatto seguito a un innovativo inizio alla Boilerhouse, nelle cantine del Victoria and Albert. "La sua energia e creatività trovava spazio nei suoi negozi, ristoranti, bar, caffè e hotel e attraverso i prodotti di design e di arredamento", ha ricordato la famiglia.

Designer o uomo d'affari? Per Ian Schrager, albergatore e fondatore di Studio 54, l'influenza di Conran è stata paragonabile a quella di Andy Warhol negli Usa. Pioniere della "cool Britannia": secondo Thomas Heatherwick, il designer che ha firmato il Vessel agli Hudson Yards di New York, è stato "uno dei pochi visionari che hanno spinto in avanti il Regno Unito trasformandolo in una forza di influenza nel mondo".

Conran è stato un po' Charles e Ray Eames e un po' Martha Stewart per la missione di popolarizzare il buon cibo, i begli oggetti ma anche la praticità. Laburista convinto, tra i suoi ultimi gesti c'è stata la lettera aperta al "Times" con altri intellettuali per chiedere un secondo referendum sulla Brexit.

Influencer anzitempo, è stato un motore culturale e estetico da quando nel 1964 aprì il primo negozio Habitat a Londra: emporio di oggetti per la casa che contribuì, complici i Beatles, Mary Quant, Vidal Sasson, e la pillola, a togliere le ragnatele dalla società britannica del dopoguerra.

Habitat, a cui nel 1973 si affiancò Conran, diventò poi una catena e c'è chi sostiene che rivoluzionò radicalmente il modo di fare shopping, rendendo il design accessibile alle masse decenni prima di Design Within Reach e perfino di Ikea.

Sir Terence era partito con uno studio di design di mobili con il suo mentore, l'artista scozzese di origine italiana Eduardo Paolozzi, e fu l'inizio di una travolgente ascesa: negli anni fece conoscere ai londinesi l'espresso (il suo Soup Kitchen a Chandos Place, aperto nel 1953, ospitò la seconda Gaggia di Londra), disegnò la boutique di Mary Quant che a sua volta firmò le uniformi per lo staff di Habitat le cui acconciature erano opera di Sassoon, aprì oltre 50 ristoranti che contribuirono a trasformare l'immagine della cucina inglese oltre lo "shepherd's pie" e i "fish and chips".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.