Navigation

Gb: al via sciopero statali, scuole e ospedali colpiti

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 novembre 2011 - 13:27
(Keystone-ATS)

È in corso oggi in tutta la Gran Bretagna lo sciopero degli statali in segno di protesta contro i cambiamenti al loro pacchetto pensioni. Scuole, ospedali, tribunali e uffici governativi sono tutti colpiti. Per ora pochi i disagi in porti e aeroporti, dove a incrociare le braccia sono gli addetti al controllo passaporti.

Il ministero dell'Istruzione prevede che soltanto il 13% delle scuole pubbliche inglesi resterà aperto, con un altro 13% parzialmente aperto. In Scozia soltanto 30 dei 2.700 istituti statali è aperto, mentre in Galles l'80% delle scuole è chiuso.

In Irlanda del Nord sono fermi tutti i treni e gli autobus. Secondo i sindacati, a incrociare le braccia sono 300.000 dipendenti statali in Scozia e 170.000 in Galles. In Inghilterra, circa 400.000 dipendenti della sanità pubblica sono in sciopero e 60.000 interventi chirurgici non urgenti, appuntamenti medici ed esami sono stati posticipati.

I sindacati fuori dagli uffici del governo a Whitehall, nel centro di Londra, affermano che il 70% dei dipendenti si uniranno allo sciopero. Quattro arresti sono già stati effettuati in vista della manifestazione che si terrà nel pomeriggio nella capitale, due per aver attaccato un poliziotto e altri due per possesso di armi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?