Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quarta ondata di alluvioni in Gran Bretagna nell'ultimo mese e mezzo, questa volta concentrata in Scozia dove centinaia di persone sono state allontanate dalle loro case nelle ultime ore, soprattutto sulla costa est.

Lo riferisce la Bbc, precisando che la protezione civile ha emesso altri due allarmi significativi, con "pericoli per la vita delle persone".

A straripare per ultimo è stato il fiume Don, nell'Aberdeenshire, ma anche altri corsi d'acqua sono usciti dagli argini. Pesanti i disagi al traffico automobilistico e ferroviario, pressocché bloccato sulla linea Aberdeen-Inverness e attorno a Dundee. Intoppi pure all'aeroporto di Aberdeen, importante centro portuale e petrolifero del Paese.

Le inondazioni a ripetizione di queste settimane, seguite da polemiche sulle misure di precauzione e sull'impatto dei tagli di bilancio imposti dal governo britannico, si sono incrociate con livelli di pioggia senza precedenti segnati nel Regno Unito a dicembre, ma anche temperature miti da record per la stagione.

Le precipitazioni più intense si sono peraltro concentrate su Inghilterra del nord, Scozia e Galles, mentre non vi sono stati finora stati d'allerta gravi a Londra e nel sud inglese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS