Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Come promesso, il premier britannico David Cameron lancia la stretta all'immigrazione proveniente dall'Unione europea, dimezzando il periodo in cui possono essere richiesti i sussidi pubblici di disoccupazione. Gli immigrati senza prospettive di trovare un posto realistiche potranno quindi beneficiare dei sussidi per tre mesi contro i sei attuali.

Il premier ha annunciato i suoi piani in un intervento sul Daily Telegraph, in cui ha affermato che controllare gli ingressi nel Paese è vitale per i piani futuri del governo.

La stretta ai benefit, ha sottolineato Cameron, serve per ricordare a chi conta di trasferirsi nel Regno che non è possibile "avere qualcosa in cambio di nulla" e che il Paese deve essere una calamita per i talenti. Fra le misure per privilegiare i cittadini del Regno nell'accesso al lavoro, Cameron ha detto che dimezzerà, da 1,1 milioni a 500'000, i posti britannici pubblicizzati in Europa su un sito di collocamento. Previsto anche un giro di vite per i college che offrono visti agli studenti in cambio di denaro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS