Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Week end dedicato a completare la lista dei ministri del suo nuovo governo per David Cameron, confermato primo ministro della Gran Bretagna da un voto che ha attribuito a sorpresa la maggioranza assoluta alla Camera dei Comuni al suo Partito Conservatore.

Con 331 seggi, cinque in più della soglia. Si tratterà di un governo monocolore Tory, a differenza del precedente mandato, quando lo stesso Cameron aveva avuto bisogno dell'alleanza con i Libdem.

Cameron ha già confermato George Osborne al timone dell'economica come Cancelliere dello Scacchiere e poi, a stretto giro, i ministri dell'Interno (Theresa May), degli Esteri (Philip Hammond) e della Difesa (Michael Fallon). Nomi nuovi sono invece attesti per altri dicasteri.

Intanto, però, fra i primi incontri del vincitore delle elezioni - segnala la Bbc - vi è stato anche un faccia a faccia con Nicola Sturgeon, la First Minister della Scozia che alla guida degli indipendentisti dell'Snp ha a sua volta trionfato nei collegi scozzesi alle elezioni politiche.

E avrà ora a Westminster un'inedita rappresentanza di ben 56 deputati. Al centro del colloquio, pare, il confronto sull'allargamento della devoluzione che Edimburgo aspetta. Sullo sfondo emergono timori - espressi da diversi media e commentatori britannici - che la spaccatura al voto fra Scozia e Inghilterra possa rappresentare un presagio negativo anche per l'unità del suo Paese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS