Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sarà di 331 seggi su 650 la maggioranza assoluta dei Conservatori di David Cameron alla Camera dei Comuni britannica. Lo scrutinio dei seggi si è completato con i Tory che hanno conquistato anche l'ultimo collegio assegnato.

I Laburisti si fermano invece a 232, praticamente 100 seggi sotto, molto meno di quanto prevedessero i sondaggi.

Confermati i dati degli altri partiti: gli indipendentisti scozzesi dell'Snp portano a casa un record assoluto di 56 seggi, il Libdem precipitano a 8, lo stesso bottino degli unionisti nordirlandesi del Dup. Quattro seggi vanno poi ai repubblicani nordirlandesi dello Sinn Fein - che però tradizionalmente boicottano Westminster - e 3 ai gallesi di Plaid Cymru.

Un seggio a testa agli euroscettici dell'Ukip e ai Verdi, malgrado il rispettivo incremento di voti rispetto alle politiche del 2010, e 5 infine ad altre formazioni sparpagliate locali dell'Ulster.

In termini percentuali i Tory toccano il 36,9%, con un inaspettato aumento di voti di 0,8 punti. Mantengono così ben sei punti e mezzo di vantaggio sul Labour (ancora una volta a dispetto dei sondaggi) che a sua volta recupera 1,5 punti, attestandosi al 30,4%, senza riuscire tuttavia a evitare una pesante debacle a livello di seggi.

L'Ukip sale in una solida posizione di terza forza del paese con il 12,6% - staccando i Libdem al 7,9% - ma viene penalizzato dal sistema maggioritario uninominale facendo collezione nei collegi di terzi o anche secondi posti che non attribuiscono seggi.

Discorso inverso per l'Snp, che a livello nazionale ottiene il 4,7%, ma concentra i voti in Scozia (dove supera un clamoroso 50% dei consensi) facendo man bassa di seggi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS