Navigation

GB: Johnson, ministri Tory boicottino Davos

Boicottando il WEF il premier britannico Boris Johnson intenderebbe cambiare l'immagine del Partito conservatore. Keystone/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 dicembre 2019 - 20:13
(Keystone-ATS)

Niente sorrisi e pacche sulle spalle con i potenti del mondo al prossimo WEF di Davos per Boris Johnson e per i ministri del suo governo conservatore. L'ordine di scuderia di boicottare l'appuntamento, scrive il Daily Telegraph, è arrivato dal premier in persona.

Reduce da un trionfo elettorale che ha visto il suo partito assicurarsi la maggioranza grazie anche e soprattutto all'avanzata in diversi collegi storicamente "rossi" - dominati da una "working class" in maggioranza pro Brexit - Johnson appare deciso a cambiare l'immagine della parrocchia Tory, scrive il "Telegraph". E a farsi paladino di un "governo popolare" anti-austerità più sensibile alla giustizia sociale.

Un governo i cui ministri sono dunque sollecitati (proprio mentre Tony Blair incalza al contrario il Labour sconfitto a liberarsi di Jeremy Corbyn e a riavvicinarsi a politiche d'establishment) a evitare di farsi fotografare mentre brindano a champagne col mondo delle "élite" incarnato da appuntamenti come quello del Forum economico mondiale di Davos.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.