Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abolire la tassazione agevolata per i non domiciliati nel Regno Unito, che non pagano tasse sugli asset che possiedono all'estero: lo ha promesso, se vincerà le elezioni, il leader laburista Ed Miliband.

L'agevolazione è stata introdotta da William Pitt il Giovane alla fine del Settecento, in piena epoca coloniale, per attirare nel Regno Unito la presenza di ricchi magnati.

I laburisti adducono "ragioni morali" nel promettere l'addio all'esenzione fiscale, che riguarda circa 115mila persone, se conquisteranno Downing Street; anche se non conoscono quale sarebbe il gettito dell'abolizione dell'esenzione.

"Quell'esenzione - spiega Miliband - rende il Regno Unito un vero e proprio domicilio fiscale, il che è insopportabile". Ma i Conservatori criticano la promessa, ricordando che negli ultimi due bilanci dello Stato il governo ha innalzato il 'feè che i non domiciliati devono pagare per essere esenti dalla tassazione dei loro beni all'estero.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS