Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una pioggia di denaro arriva a irrigare la campagna per l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, in vista del referendum che il premier conservatore David Cameron si è impegnato a convocare entro un anno o poco più.

Nasce una grande coalizione euroscettica e a pagare i conti sono tre fra i maggiori finanziatori della politica nel regno: il milionario filo-Tory Paul Cruddas, il banchiere amico dei laburisti John Mills e Stuart Wheeler, cofondatore ed ex tesoriere dell'Ukip di Nigel Farage.

Tre signori di casa alla City i quali si stima dispongano di patrimoni che, sommati, superano il miliardo di sterline. Decisi a unire le tasche per dar vita, a dispetto delle affiliazioni differenti, a un cartello elettorale interpartitico denominato, senza giri di parole, 'Vote Leave'.

L'annuncio è stato accolto con entusiasmo dal conservatore Daily Telegraph, che ha riecheggiato in un titolo di prima pagina lo slogan del gruppo ("È tempo di rimettere la Gran Bretagna al primo posto"); e al contrario con allarme dall'europeista Independent, secondo il quale "il potere" dei soldi rischia davvero di spingere il Regno Unito "verso l'uscita" dall'Europa. O Brexit, che dir si voglia.

Il segnale a David Cameron è chiarissimo, nelle ore in cui il primo ministro riceve a Downing Street la cancelliera tedesca Angela Merkel: per discutere d'immigrazione, di Siria, ma soprattutto di quelle riforme che Londra pretenderebbe per alleggerire il proprio rapporto con Bruxelles.

Gli ultimi sondaggi danno il fronte del no testa a testa con quello del sì. E il Daily Express, tabloid di estrema destra, azzarda addirittura un 53% di voti potenziali per la Brexit, se Cameron non riuscirà a strappare ai partner continentali concessioni mirabolanti: un regalo che Paesi sotto campagna elettorale quali Germania o Francia non sembrano avere la minima voglia né possibilità di fare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS