Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il radicalismo islamico nelle prigioni inglesi diventa un problema sempre più serio: ne è convinto l'ex capo dell'antiterrorismo britannico, Chris Phillips, secondo cui gli estremistiprosperano dietro le sbarre soprattutto per le carenze di personale carcerario.

I musulmani detenuti nelle carceri di Inghilterra e Galles sono oltre 12mila, di cui un centinaio di reclusi per reati di terrorismo. Particolarmente vulnerabili all'estremismo sono i convertiti all'islam. Il ministro dell'Interno Theresa May ha annunciato che non appena possibile in ogni penitenziario verrà istituito l'incarico di "funzionario per l'estremismo", con il compito di concentrarsi solo sul contrasto del fenomeno.

"Da quanto sappiamo, i sauditi non hanno escluso una operazione di terra in alcune delle loro dichiarazioni. A nostro avviso, sarà controproducente e non aiuterà a risolvere la situazione", ha detto il vice ministro degli esteri russo, Ghennadi Gatilov, citato da Interfax. "Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è concentrarsi sulla ricerca di una soluzione politica, ma una operazione di terra da parte dell'Arabia Saudita, supportata dalla coalizione, potrebbe destabilizzare ulteriormente la situazione", ha aggiunto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS