Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I servizi segreti britannici, l'MI5 e l'MI6, condussero una delle maggiori attività di insabbiamento per coprire il peggiore scandalo di spionaggio che ha mai colpito la Gran Bretagna: quello dei cosiddetti "cinque di Cambridge".

È quanto emerge dai documenti tenuti segreti per 50 anni e ora pubblicati dai National Archives di Londra. Viene fatta luce sull'appassionante vicenda dei cinque membri dell'élite inglese che, tra il 1940 e il 1951, si infiltrarono nei ranghi più alti delle maggiori istituzioni segrete e politiche inglesi per fornire informazioni a Mosca.

Il governo britannico voleva evitare l'imbarazzo derivante dalla lunga attività di spionaggio condotta dagli agenti: cercò quindi di tenere all'oscuro l'opinione pubblica, ma anche gli Stati Uniti, alleati nella Guerra fredda. Dopo la fuga all'estero di due delle spie, Guy Burgess e Donald Duart Maclean, Londra si impegnò affinché non tornassero in patria col rischio di rivelare le loro amicizie che arrivavano molto in alto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS