Navigation

GB: social e chat, polizia inglese avrà accesso a messaggi

Social e chat: polizia inglese avrà accesso a messaggi KEYSTONE/AP/AMR ALFIKY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2019 - 14:17
(Keystone-ATS)

Social media e chat come Facebook e WhatsApp potrebbero essere costretti a condividere i messaggi crittografati degli utenti con la polizia britannica in forza di un nuovo trattato tra Usa e Regno Unito che dovrebbe essere firmato a novembre.

L'accordo - spiega Bloomberg - costringerà le società di social media a condividere informazioni per supportare le indagini su persone sospettate di gravi reati tra cui terrorismo e pedofilia.

A essere messo in discussione sarebbe il sistema di crittografia che consente di mantenere una segretezza e una protezione sui messaggi degli utenti. In tal caso, le piattaforme web dovrebbero predisporre delle 'backdoor', delle porte di servizio, per permettere alle forze di polizia di entrare e leggere i messaggi in caso di reati.

"Siamo contrari ai tentativi del governo di costruire backdoor perché minerebbero la privacy e la sicurezza dei nostri utenti ovunque - ha affermato Facebook in una nota - Le politiche governative come il Cloud Act consentono alle aziende di fornire informazioni disponibili quando riceviamo richieste legali valide e non richiedono alle aziende di costruire backdoor".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.