Tutte le notizie in breve

Un'immagine mostra l'azione di polizia odierna a Londra, in Gran Bretagna.

KEYSTONE/EPA/WILL OLIVER

(sda-ats)

È accusato di aver progettato "un'azione terroristica" l'uomo bloccato e arrestato oggi in possesso di coltelli nella zona dei palazzi del potere di Londra, a metà fra la sede del parlamento di Westminster e la residenza del primo ministro a Downing Street.

Lo riferisce Scotland Yard, senza precisare per ora quali fossero esattamente le sue intenzioni e il suo obiettivo.

L'arrestato, che pare abbia poco meno di 30 anni, è ora detenuto in camera di sicurezza in una stazione di polizia nell'area sud di Londra.

Secondo quanto comunicato da Scotland Yard, l'uomo, più vicino ai 30 che ai 20, è stato fermato in base al Terrorism Act, la legge britannica sul terrorismo, poiché "sospettato di possesso di armi atte all'offesa e sospettato di aver commesso, preparato o istigato azioni terroristiche".

"I coltelli recuperati sono stati sottratti a lui", si legge in un'ulteriore precisazione della polizia. Scotland Yard informa inoltre che i "detective dell'Antiterrorismo stanno continuando le loro indagini", ma che al momento, dopo l'arresto eseguito, non risulta più "alcuna minaccia nota immediata".

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve