Navigation

GB: vende pesce rosso a minorenne, multa e libertà vigilata

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2010 - 17:26
(Keystone-ATS)

LONDRA - La proprietaria settantenne di un negozio di animali nella contea di Greater Manchester è stata multata di 1000 sterline (1600 franchi svizzeri) per aver venduto un pesce rosso ad un quattordicenne. Inoltre, la signora Joan Higgins dovrà portare un braccialetto elettronico e rimanere in casa dalle sei di sera alle sette del mattino per le prossime sette settimane.
È vero che la legislazione britannica del 2006 per la salvaguardia della salute animale proibisce la vendita di animali domestici a minori di sedici anni non accompagnati, ricorda oggi il Daily Mail,riferendo la scioccante notizia. Secondo il quotidiano britannico, però, la pena che è stata conferita alla signora Higgins viene solitamente data a teppisti violenti o criminali recidivi. Non a una bis-nonna colpevole di aver venduto un pesce rosso a un quattordicenne - che tra l'altro era stato mandato sotto copertura dal consiglio della contea di Greater Manchester.
In un'intervista la signora Higgins ha definito la sua condanna "ridicola". "Perché devo mettere un braccialetto elettronico?", ha domandato la settantenne, visibilmente agitata. "Che pericolo rappresento per la comunità? Questi ultimi mesi sono stati logoranti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.