Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - L'ex premier britannico Tony Blair "complottò" nel 2007 con il presidente USA George W. Bush per prolungare la sua permanenza a Downing Street, dopo aver ricevuto da Washington "avvertimenti" sul fatto che gli americani avevano problemi a lavorare con Gordon Brown, premier designato dai laburisti britannici. Lo scrive oggi il "Sunday Telegraph", citando fonti anonime governative.
Il "piano" di Blair prevedeva di estendere fino a fine 2008 il suo governo, "fino almeno alle elezioni statunitensi del novembre 2008" - scrive il "Telegraph" -, anche per favorire David Miliband nella lotta alla successione interna al Labour.
Gli "avvertimenti" di Washington a Blair arrivarono dopo un incontro tra l'allora segretario di Stato USA, Condoleezza Rice, e Brown, nel quale l'esponente britannico aveva "arringato" gli americani sulla politica USA degli aiuti, dello sviluppo e dell'Africa.
Il "piano" fallì: Blair si dimise a fine giugno 2007 e Brown divenne premier.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS