Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono 1.079 i 'furbettì scoperti dalla Guardia di finanza accusati di aver percepito illecitamente fondi stanziati per combattere la disoccupazione: dovranno restituire allo Stato quasi 40 milioni di euro.

Il Nucleo speciale Spesa pubblica e repressione frodi comunitarie delle Fiamme gialle, nell'ambito della collaborazione con Invitalia Spa, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, ha individuato le irregolarità in seguito ad analisi e controlli, mediante l'incrocio di banche dati, sulla posizione di oltre 10 mila imprese destinatarie di 411 milioni di euro erogati ai sensi del decreto legislativo finalizzato appunto a promuovere l'auto-impiego delle persone in cerca di lavoro tramite l'avvio di nuove iniziative imprenditoriali o di lavoro autonomo.

L'operazione di oggi, denominata 'Return', segue due analoghe campagne di controlli. Nel complesso, l'attività di analisi dei fondi erogati ha finora consentito l'individuazione di 3.420 posizioni irregolari con un conseguente obbligo di restituzione di fondi per oltre 100 milioni di euro

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS