Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La nuova moschea appartenente all'associazione Dituria a Plan-les-Ouates (GE).

KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI

(sda-ats)

I musumani albanofoni di Ginevra disporranno di una nuova moschea: appartenente all'associazione Dituria, il nuovo luogo di culto e centro culturale destinato ai 15'000 membri della comunità locale aprirà i battenti prossimamente a Plan-les-Ouates (GE).

Lo stabile è stato acquistato nel giugno 2014 per 3 milioni di franchi, di cui la metà è stata finanziata con donazioni provenienti da membri della comunità e l'altra metà con un prestito ipotecario concluso presso una banca a Ginevra, riferisce il tesoriere dell'associazione Abdyl Beckteshi. La maggior parte dei lavori di ristrutturazione è stata effettuata da membri volontari della comunità.

Privo di caratteristiche distintive esterne, l'edificio comprende due sale di preghiera di 100 e 300-350 posti, destinate rispettivamente alle donne e agli uomini. All'entrata, un ristorante aperto al pubblico proporrà specialità albanesi. Devono ancora essere ricavati le sale di riunione e di corsi, la biblioteca e l'ufficio dell'imam.

Associazione fondata nel 2005 allo scopo di creare uno spazio per le attività socio-culturali e un luogo di culto per i musulmani albanofoni, Dituria disponeva finora di un locale nella zona industriale di Vernier (GE), diventato troppo esiguo. Il nuovo centro aprirà i battenti alla popolazione in occasione della sua inaugurazione il 20 maggio.

Il Comune di Plan-les-Ouates accoglie "calorosamente" Dituria, secondo il municipale Xavier Magnin. Le informazioni ottenute dal Cantone, dal Comune di Vernier, dall'Ufficio dell'integrazione e dalla Piattaforma interreligiosa sono positive. "Tutti i semafori sono verdi: si tratta di musulmani moderati, perfettamente integrati e rispettosi dello Stato di diritto", precisa Magnin.

Il Comune ha deciso di informare la popolazione. Contrariamente a quanto avvenuto a Wil (SG), dove una nuova moschea sarà inaugurata sabato, non sono state registrate opposizioni al progetto edilizio. Stando a Magnin, gli abitanti temono soprattutto di essere confrontati a problemi di stazionamento il venerdì, giorno di maggiore affluenza dei fedeli.

Il giorno dell'inaugurazione, Dituria consegnerà alle autorità comunali la carta dell'Unione degli imam albanesi in Svizzera e della Comunità islamica degli albanesi in Svizzera, che riconosce la laicità, la libertà di coscienza, lo Stato di diritto e i valori del paese di accoglienza. Apriranno simultaneamente le porte le vicine parrocchie cattolica e protestante.

La Svizzera conta attualmente circa 280 moschee per una comunità musulmana di 450'000 persone, di cui dal 10 al 15% sono praticanti, indica il portavoce della Federazione delle organizzazioni islamiche della Svizzera (FOIS) Pascal Gemperli. Circa 220 sono affiliate alla federazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS