Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - Una pena di 30 mesi di carcere - di cui sei da scontare - è stata chiesta oggi dal ministero pubblico a Ginevra nei riguardi di un ex tossicomane processato per aver somministrato una supposta di metadone alla figlioletta di 17 mesi. La bimba era stata rinvenuta morta l'indomani.
L'errore commesso dall'imputato è "particolarmente grave", ha sottolineato il sostituto del procuratore, Marco Rossier. L'uomo ha spiegato nuovamente di aver confuso la supposta con un'altra fornitagli dalla madre: "Certi gesti sono talmente stupidi - ha aggiunto - che è difficile trovare le parole per giustificarli".
Il suo difensore ha sollecitato una condanna compatibile con la sospensione condizionale. La madre della bimba ha invece esortato il tribunale a mostrarsi "implacabile". La sentenza sarà nota fra giorni o settimane.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS