Navigation

GE: Dieudonné non si presenta, riconvocato dalla giustizia il 4.2

Dieudonné dovrà presentarsi in procura il 4 febbraio. KEYSTONE/EPA/CAROLINE BLUMBERG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 gennaio 2020 - 13:30
(Keystone-ATS)

In tournée in Francia, il controverso comico Dieudonné non ha risposto alla convocazione, prevista per oggi, del Ministero pubblico ginevrino. Una nuova udienza è stata fissata il 4 febbraio.

L'uomo, noto per le sue uscite antisemite, è accusato di aver fatto commenti negazionisti durante spettacoli a Ginevra e Nyon (VD). Stando all'avvocato dell'umorista, Pascal Junod, c'è stato un problema di comunicazione. La procura ha accettato le spiegazioni del legale e ha posticipato la data dell'udienza.

Il Coordinamento intercomunitario contro l'antisemitismo e la diffamazione (Cicad) è all'origine dei guai del comico francese con la giustizia ginevrina. L'organizzazione ha sporto due volte denuncia contro il 53enne per discriminazione razziale e ingiuria.

La Cicad afferma che Dieudonné, in occasione dei suoi due show romandi del gennaio 2019 a Nyon e del giugno successivo a Ginevra, ha negato l'esistenza delle camere a gas. Il comico avrebbe inoltre insultato pubblicamente l'associazione.

Vecchia conoscenza dei tribunali, Dieudonné è stato più volte condannato in Francia per i suoi interventi contro gli ebrei. Il 27 novembre gli è stata inflitta una multa di 9000 euro per complicità in ingiurie antisemite dopo la pubblicazione di un video e di una canzone intitolata "C'est mon choaaa".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.