Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I servizi doganali hanno distrutto stamani a Thonex (GE) una tonnellata di pentole e coltelli contraffatti, che venditori ambulanti spacciavano come autenticamente svizzeri. Gli utensili erano in realtà fabbricati in Cina. L'inchiesta al riguardo è durata due anni.

Pentole, padelle e coltelli erano proposti a prezzi proibitivi, da 30 a 50 volte superiori ai costi di fabbricazione, ha spiegato stamani alla stampa Jérôme Coquoz, direttore del circondario doganale III (Svizzera romanda). Un assortimento di pentole e padelle acquistato per 35 euro dai truffatori era ad esempio proposto al prezzo di 1700 euro.

I venditori sono gitani rumeni, che acquistavano gli articoli in Belgio e praticavano il sistema di vendita "porta a porta", ha stabilito l'inchiesta condotta sull'arco di due anni dalle dogane, la polizia, la Seco (Segreteria di Stato dell'economia) e i ministeri pubblici di diversi cantoni.

Caratterizzati dal distintivo elvetico, gli utensili sono in realtà di cattiva qualità e composti da metalli che possono comportare pericoli per la salute. I servizi doganali hanno effettuato recentemente due sequestri analoghi: in questo caso sono state trovate cassette porta attrezzi, anch'esse con il logo rossocrociato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS