Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I dipendenti pubblici ginevrini hanno osservato oggi il settimo giorno di sciopero da metà novembre per protestare contro le restrizioni previste dal Consiglio di Stato nel settore del personale.

Hanno pure incrociato le braccia i taxi, che protestano dal canto loro contro la concorrenza sleale che sarebbe praticata nei loro confronti dagli autisti Uber e da altri conducenti.

Riuniti in assemblea nel pomeriggio, gli statali hanno deciso di sospendere le loro azioni domani, per permettere al governo cantonale di rispondere alle rivendicazioni e anche per "riprendere le forze", indica il presidente del Cartello intersindacale della funzione pubblica Marc Simeth. Un'altra assemblea deciderà domani sera del seguito da dare al movimento di protesta.

L'assemblea ha inoltre deciso di indire una manifestazione giovedì davanti alla sede del Gran consiglio, riunito in sessione per esaminare il preventivo 2016. I partecipanti si sono poi incamminati per partecipare al corteo in serata.

I funzionari lottano contro la diminuzione dell'1% delle spese del personale proposta dal Consiglio di Stato già per l'anno prossimo. L'obiettivo del governo è di diminuire la massa salariale del 5% entro il 2018, tramite diverse misure quali il passaggio ad un orario settimanale di lavoro di 42 ore contro 40 attualmente.

Ieri i sindacati di polizia hanno annunciato di sostenere in modo "incondizionato" lo sciopero odierno, ma di aver rinunciato a parteciparvi a causa dell'attuale contesto "eccezionale" dal profilo della sicurezza a Ginevra.

Si sono invece astenuti dal lavoro per l'intera giornata i taxi, che si sono limitati a garantire soltanto i trasporti in direzione dell'ospedale. Nessuna vettura è stata intravista all'aeroporto, indica il portavoce dello scalo Bertrand Stämpfli.

Gli autisti - circa 1500 a Ginevra - hanno annunciato di voler manifestare a fine giornata assieme ai funzionari per denunciare le attività dei conducenti senza permesso ufficiale, quali gli autisti Uber o i taxi con targa francese o di altri cantoni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS