Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Gran Consiglio ginevrino si è rifiutato oggi di concedere la grazia al più anziano detenuto della Svizzera, condannato nel 2010 a dieci anni di carcere per aver violentato la sua figlia adottiva. I deputati hanno seguito il punto di vista della commissione, che considera i fatti particolarmente gravi.

L'89enne, che soffre di tumore alla prostata ed è affetto da demenza, sconta attualmente la sua pena presso l'unità carceraria dell'ospedale universitario di Ginevra (HUG), dove è sottoposto a cure palliative. Il legislativo cantonale aveva già respinto una sua domanda di grazia nel 2012.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS