Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una settantina di consulenti dell'Ufficio ginevrino dell'impiego hanno incrociato le braccia questa mattina per protestare contro il sovraccarico di lavoro. I funzionari sostengono di non essere più in grado di occuparsi efficacemente del collocamento dei disoccupati.

Mentre la Seco preconizza 120 dossier per consulente URC, a Ginevra i dipendenti degli uffici di collocamento si occupano in media di 150-180 casi.

L'anno scorso, la direzione dell'ente si era impegnata a diminuire il numero di casi per consulente a 130, ma le trattative condotte con i sindacati sono finora sfociate in misure "superficiali", afferma il rappresentante dei consulenti Pierre-Yves Haab.

All'azione di protesta ha partecipato oggi circa la metà dell'effettivo totale di 150 consulenti. I funzionari hanno l'intenzione di astenersi dal lavoro un'ora ogni giovedì fino all'ottenimento di proposte da parte della direzione.

Nel corso di un'assemblea, i partecipanti hanno inoltre deciso di osservare uno sciopero amministrativo, applicato alle statistiche in materia di disoccupazione e alle sanzioni destinate ai disoccupati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS