Navigation

GE: MPC persegue Eric Stauffer (MCG) per manifesti Gheddafi

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2010 - 14:40
(Keystone-ATS)

GINEVRA - Il presidente del Mouvement citoyens genevois (MCG), Eric Stauffer, sarà perseguito dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC) per oltraggio a uno Stato estero in relazione al manifesto con un'immagine del leader libico Muammar Gheddafi stampato per sostenere l'iniziativa in favore dell'espulsione di stranieri che commettono reati.
Il MCG ha ricevuto stamani un fax dal MPC in cui si spiega che quest'ultimo perseguirà Stauffer su ordine del Consiglio federale, che a sua volta ha ricevuto una domanda in questo senso dalla Libia, ha dichiarato all'ATS Soli Pardo, avvocato del Movimento, confermando una notizia dell'agenzia Decaprod.
Sollecitata dal MPC, l'apertura di un procedimento penale per oltraggio a Stato estero nei riguardi di Stauffer è stata presa d'intesa con il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), indica in un comunicato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP).
Il reato contemplato dall'art. 296 del codice penale prevede la condanna ad un massimo di tre anni di carcere o una pena pecuniaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?