Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre 700 persone sono sfilate oggi pomeriggio lungo le vie di Ginevra per esprimere solidarietà ai migranti spinti all'esilio su strade pericolose. I manifestanti hanno esortato la Svizzera ad aprire le proprie frontiere.

"L'asilo è un diritto, l'accoglienza un dovere", ha dichiarato Alessandro Pelizzari, segretario di Unia-Ginevra esprimendosi davanti alla folla riunita in una piazza cittadina.

"Contro il razzismo e la xenofobia. Apriamo le nostre frontiere, proteggiamo i migranti", era scritto sullo striscione che apriva il corto della manifestazione organizzata in occasione della giornata d'azione internazionale "Europe Says Welcome".

Il raduno era promosso da sindacati, partiti di sinistra e associazioni di sostegno ai migranti. "La Svizzera non può guardare la gente morire senza far nulla", "Apriamo le nostre frontiere" erano i messaggi inviati alle autorità svizzera affinché accolgano migranti imitando l'esempio tedesco.

I manifestanti hanno anche chiesto la reintroduzione delle procedure di domanda d'asilo nelle ambasciate, la sospensione dei rinvii secondo gli accordi di Dublino e la regolarizzazione dei sans-papier.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS