Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È stata aggravata da 13 a 18 anni la pena di reclusione inflitta nel 2011 a Ginevra a un uomo che aveva sgozzato un conoscente e appiccato il fuoco all'abitazione della vittima, allo scopo di far scomparire le sue tracce.

Pronunciandosi in merito ad un ricorso della difesa e del pubblico ministero, la Camera penale d'appello ritiene che l'assassino - un padre di famiglia disoccupato e tossicomane - abbia ucciso il conoscente che gli doveva 900 franchi mostrando particolare disprezzo per la vita umana. Non gli sono nemmeno state riconosciute le circostanze attenuanti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS