Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un agente di polizia è stato condannato a Ginevra per violazione grave della legge sulla circolazione stradale per aver superato di 42 km/h la velocità consentita, mentre stava effettuando un intervento di emergenza.

KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI

(sda-ats)

Un agente di polizia è stato condannato a Ginevra per violazione grave della legge sulla circolazione stradale per aver superato di 42 km/h la velocità consentita, mentre stava effettuando un intervento di emergenza.

L'agente, come altre pattuglie di polizia, era diretto nel novembre 2015 verso Plan-les-Ouates (GE), dove un bancomat era stato scassinato da un gruppo di malviventi armati e pericolosi che stavano fuggendo riparando in direzione della Francia, riferisce oggi l'avvocato Jacques Roulet, legale dell'ispettore della polizia giudiziaria, in seguito alla notizia pubblicata dalla RTS.

Considerando che il poliziotto non si è comportato con la necessaria prudenza, il procuratore generale lo ha condannato per decreto d'accusa a 120 ore di lavoro di pubblica utilità con la sospensione condizionale e ad una multa di 1000 franchi.

Secondo il suo avvocato, invece, l'agente non ha fatto altro che il proprio dovere e non ha rappresentato un pericolo per gli altri utenti della strada: il radar lo ha fotografat dopo le 3 del mattino mentre circolava in un tratto limitato a 50 km/h ma situato in campagna, argomenta il legale.

"Gli agenti di polizia non possono più lavorare in simili condizioni", dichiara l'avvocato, secondo cui altri procedimenti analoghi sono in corso a Ginevra contro membri delle forze dell'ordine. L'ispettore di polizia ha deciso di contestare la sanzione.

SDA-ATS