Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'esercito svizzero disporrà entro la fine del 2018 di un nuovo accantonamento a Ginevra, in grado di accogliere 300 militi. La posa della prima pietra della futura caserma di Meyrin-Mategnin è avvenuta oggi in presenza del consigliere federale Guy Parmelin.

Nel febbraio 2016, i ginevrini avevano approvato lo stanziamento di un credito di 20,9 milioni di franchi destinato alla costruzione della nuova caserma. L'esercito potrà quindi lasciare l'attuale sito nel quartiere di Vernets - dove sono progettati 1500 nuovi alloggi - anche se in teoria avrebbe potuto occuparlo fino al 2040.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS