Navigation

GE: rapina in impresa pietre preziose, 30 dipendenti in ostaggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2010 - 10:56
(Keystone-ATS)

BERNA - Un'impresa attiva nell'incastonatura di pietre preziose è stata svaligiata stamane a Chêne-Bourg, nel canton Ginevra. Una trentina di impiegati sono stati sequestrati e minacciati. La quasi totalità dalle casseforti è stata vuotata.
La rapina è iniziata verso le 2:00 della scorsa notte quando i malviventi si sono recati al domicilio di un responsabile della società, in Francia. Un bandito è restato sul posto prendendo così in ostaggio la famiglia dell'impiegato, mentre i suoi complici si sono recati con il dirigente alla sede della società.
Giunti sul posto, i banditi hanno obbligato l'uomo a aprire i locali della sua società. La mattina, quando sono giunti i primi dipendenti il dirigente era ancora ostaggio dei ladri. In totale sono una trentina i salariati della ditta ad essere stati minacciati.
I banditi hanno agito con la pistola in pugno, ha dichiarato all'ATS il portavoce della polizia ginevrina, Philippe Cosandey, senza precisare l'ammontare della refurtiva. La famiglia del dirigente è stata liberata e si trova in luogo sicuro, ha aggiunto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?